DIVIETO DI CONSUMO ACQUA POTABILE PER USI EXTRADOMESTICI E LIMITAZIONE DEL CONSUMO

Fino al 30 settembre 2022

Data di pubblicazione:
22 Giugno 2022
DIVIETO DI CONSUMO ACQUA POTABILE PER USI EXTRADOMESTICI E LIMITAZIONE DEL CONSUMO

IL SINDACO CON PROPRIA ORDINANZA SINDACALE N 10 DEL 22/06/2022 HA DISPOSTO LA RAZIONALIZZAZIONE DEL CONSUMO DI ACQUA POTABILE E DIVIETO DI USO IMPROPRIO 

TUTTA LA CITTADINANZA, su tutto il territorio comunale, deve attivare la limitazione del consumo di acqua potabile ai soli usi domestici, igienico sanitari, antincendio e produttivo.

In particolare è vietata l’utilizzazione dell’acqua potabile dell’acquedotto comunale per i seguenti usi:
a) Riempimento di piscine private,
b) Innaffiamento di orti e giardini,
c) Lavaggio di autovetture private,
d) Riempimento di vasche di accumulo non strettamente legate ai fini produttivi,
e) Esercitazioni antincendio e prove di impianti antincendio con utilizzo di acqua potabile qualora non strettamente necessari ad affrontare una potenziale emergenza.
f) Ogni altro uso non domestico o strettamente legato alle necessità igienico-sanitario.

Al fine di evitare inutili sprechi, il Sindaco invita tutti i cittadini ad adottare ogni utile accorgimento finalizzato al risparmio di acqua ed in particolare:
- a riparare prontamente perdite, anche minime, da rubinetti, sciacquoni, ecc.;
- a montare nei rubinetti gli appositi frangi-getto, che mediante miscelazione di aria e acqua possono consentire un risparmio idrico fino al 50%;
- ad utilizzare acqua corrente solo per il risciacquo di piatti e verdure;
- a preferire la doccia al bagno: ciò consente un risparmio d’acqua fino al 75%, se si ha l’accortezza di chiudere l’acqua mentre ci si insapona;
- a controllare il corretto funzionamento dei propri impianti idrici ed irrigui al fine di individuare eventuali perdite occulte e riparare quelle già note e manifeste;
- ad usare lavatrici e lavastoviglie a pieno carico;
- a chiudere il rubinetto dell’acqua durante le operazioni di insaponamento, di utilizzo dello spazzolino e durante la rasatura;
- ad utilizzare l’acqua di lavaggio della frutta e della verdura per innaffiare piante;
- ad adottare tutte le misure possibili per limitare il consumo di acqua.

Il personale dell’Ufficio di Polizia Locale e gli altri Agenti della Forza Pubblica, hanno l’incombenza di vigilare sull’osservanza di quanto in argomento, il mancato rispetto dei contenuti dell’ordinanza, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, sarà sanzionato ai sensi del D.Lgs 267/2000 e s.m.i. e della L. 689/81 e s.m.i. con l’applicazione di una sanzione pecuniaria da € 25,00 ad € 500,00.
 

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 22 Giugno 2022